AUSL8 - via Curtatone, 54 - Arezzo tel. 0575.2551 e-mail: urp@usl8.toscana.it

Alla Asl arrivano tre auto elettriche

Faam-SmilewebPorter1webSaranno in attività dal 15 gennaio. Sono destinate al servizio ADI della città. “Prese” di carico realizzate in via Guadagnoli.

AREZZO - La sanità toscana si schiera in prima linea per il risparmio energetico. E alla Asl di Arezzo stanno per entrare in servizio tre automezzi cittadini alimentati ad energia elettrica: silenziosi, puliti, economici.
La Regione Toscana ha già ordinato 100 auto elettriche. Ma L'approdo ai mezzi senza motore a scoppio, è solo l'ultimo passaggio verso una maggiore attenzione all'ambiente e al risparmio nel settore automobilistico sanitari pubblico: si sta già da tempo procedendo a un rinnovo del parco auto sostituendo progressivamente tutti i veicoli presenti con altri a metano e Gpl per gli spostamenti extraurbani, e adesso elettrici per spostamenti urbani. I tre nuovi veicoli sono stati acquisiti, come è d’uso nella maggioranza delle aziende e degli enti, con la formula dell’affitto a lungo termine tutto compreso. La formula del noleggio full service permette di disporre dei mezzi con formula piena, dimenticandosi della manutenzione ordinaria e straordinaria, del bollo e dell’assicurazione kasko, oltretutto con un canone di affitto molto conveniente e che, dati alla mano, permetterà alla Regione di risparmiare parecchio nei confronti dei mezzi impiegati attualmente. L’unico costo a carico dell’ente è l’energia elettrica, assai inferiore al corrispondente mezzo a motore endotermico: fino al 70% in meno rispetto al benzina e fino al 30% in meno rispetto al metano. Si calcola che la spesa di affitto per ogni veicolo oscillerà dai 400 ai 600 euro al mese.

Ad Arezzo i tre veicoli, due Porter Piaggio e un Faam Smile, saranno assegnati al servizio A.d.i. (Assistenza domiciliare infermieristica), la cui sede è nel distretto sociosanitario di via Guadagnoli. Entreranno in attività dal 15 gennaio. Ogni mezzo ha una autonomia, con un pieno,  fra gli 80 e  i 90 chilometri: più che sufficienti per il “giro” quotidiano che ogni infermiere domiciliare compie ogni giorno in città. Il mezzo ogni sera viene poi parcheggiato nel piazzale riservato della Asl, in appositi spazi predisposti, con tanto di presa di corrente, per fare la ricarica ed essere pronto per il mattino successivo.
Il Porter ha un’eccezionale capacità di carico in rapporto alle dimensioni esterne, lo Smile è molto compatto e per questo richiede pochissima energia per muoversi
Su tutti i mezzi sarà possibile  utilizzare le fiancate per ospitare le campagne di comunicazione sociale e sanitaria promosse dalla Regione e dalla Asl.