AUSL8 - via Curtatone, 54 - Arezzo tel. 0575.2551 e-mail: urp@usl8.toscana.it
La nostra qualità Progetto handover

Progetto Handover

IL PASSAGGIO DI CONSEGNE: COME RENDERE LA COMUNICAZIONE EFFICACE E SICURA

Handover è una parola inglese che letteralmente significa consegnare, porgere, passare. In ambito sanitario l’handover viene inteso come “passaggio di consegne“ cioè la pratica di scambiare informazioni cliniche riguardanti i pazienti fra operatori sanitari (medici, infermieri, personale tecnico) al momento del cambio turno o al momento del trasferimento del paziente in altro reparto oppure da operatore sanitario ai familiari al momento della dimissione del paziente. Oltre all’aspetto puramente sanitario dello scambio di informazioni, l’handover implica un vero e proprio trasferimento di responsabilità (anche medico-legale)e del ruolo di referente per la cura di un paziente nelle varie fasi del percorso di cura.

Il momento dell’handover rappresenta, secondo uno studio del 2005 di Solet, un momento critico della cura del paziente in quanto l’80% degli errori è legato ad una comunicazione inefficace al momento del passaggio di consegne. Pertanto nel 2009 l’unione europea ha finanziato un progetto triennale volto a definire degli strumenti che rendessero più efficace e sicuro l’handover. A tale progetto hanno partecipato vari ospedali europei fra i quali, per l’Italia, l’Azienda sanitaria di Firenze con il supporto del Gruppo Regionale del Rischio Clinico. Nel luglio 2011, a Firenze, il gruppo “European Project Handover” ha concluso i lavori definendo una metodologia progettuale di handover volta ad aumentare il livello di attenzione dei sistemi sanitari, fornire linee guida e stimolare la formazione su questo specifico tema. Sulla base di queste proposte il Gruppo Regionale del Rischio Clinico, nel luglio 2011, ha definito un progetto pilota regionale coinvolgendo diverse USL toscane, fra cui la nostra, allo scopo di creare una Buona Pratica Regionale Handover. Abbiamo quindi partecipato al tavolo regionale presso il GRC che ha definito i criteri della Buona Pratica ed avviato questa sperimentazione con significativi risultati.

I premio "Sicurezza e Qualità delle cure" 2013

 

INFO: Dott. Ugo Longobardi
tel. 0575 255002
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.